Giornale del 19 Dicembre 2016

Clia, i trend 2017 delle crociere:

ritorno dei clienti in agenzia

NAVIGARE

19-12-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
I viaggi in crociera continueranno a crescere per tutto il prossimo anno: a dirlo è Clia nel suo State of the Cruise Industry Outlook 2017, dove si individuano anche le otto principali tendenze del settore crocieristico.
Saranno circa 25,3 milioni i passeggeri previsti nel 2017, in forte aumento rispetto ai 15,8 milioni stimati 10 anni fa (2007).

Saranno, poi, circa 26 i debutti di nuovi navi per crociere oceaniche, fluviali o specializzate, per un investimento complessivo pari a oltre 6,8 miliardi di dollari. Tra il 2017 e il 2026 si prevede che il settore introdurrà un totale di 97 nuove navi da crociera per un investimento totale stimato di 53 miliardi di dollari entro il 2026.

«Grazie a progressi tecnologici, inaugurazione di nuove navi, nuovi porti e destinazioni in tutto il mondo, l'industria continua a rispondere ai desideri dei viaggiatori di oggi e a contribuire di conseguenza alla crescita costante e al forte impatto economico del settore in tutto il mondo», afferma Cindy D'Aoust, presidente e ceo di Clia.

Le spese del settore crocieristico hanno generato una produzione totale di 117 miliardi di dollari in tutto il mondo, sostenendo l’assunzione di 956.597 dipendenti a tempo pieno che hanno guadagnato 38 miliardi di dollari nel 2015.

Ma vediamo gli otto trend del settore:

1. Una nuova generazione di navigatori. Le nuove generazioni – tra cui i Millennials e la Generazione X – si apriranno più che mai alla vacanza in crociera, ritenendola migliore della vacanza tradizionale “a terra”.

2. Il ritorno in agenzia di viaggi. Secondo quanto emerso dall’American Express Spending & Saving Tracker, dal 2015 al 2016 è aumentato dell’80% il ricorso del consumatore agli agenti di viaggi. Secondo Clia, nel 2017 gli adv continueranno a essere un punto di contatto tra i viaggiatori e le compagnie da crociera. L'associazione ha anche evidenziato come i crocieristi siano molto soddisfatti della propria esperienza di viaggio quando vengono seguiti da un agente.

3. Aumento della domanda per le crociere fluviali. Le compagnie associate a Clia contano 184 navi da crociere fluviali e ne hanno ordinate per il 2017 altre tredici (+7%).

4. Più isole private negli itinerari. Nel 2017 le compagnie da crociera includeranno porti su un totale di sette isole private.

5. Nuovi crocieristi andranno per mare. Alla domanda su quale tipo di vacanza vorrebbero fare nei prossimi tre anni, circa la metà dei “non crocieristi” (il 48%) ha espresso interesse nel fare una vacanza in crociera per l’oceano, e addirittura l'85% dei crocieristi ha espresso lo stesso interesse.

6. Preferenza per porti raggiungibili via auto. Sette “non crocieristi” su 10 (69%) afferma che il miglior beneficio è il risparmio di soldi mentre tre quarti dei crocieristi (il 74%) apprezza la convenienza di poter raggiungere la nave da crociera in auto.

7. Attrattività degli chef celebrità. I crocieristi apprezzano le cene speciali e continueranno a considerare esperienze gastronomiche in crociera sulla base degli chef famosi. Quest’anno diverse compagnie hanno offerto ristoranti e piatti creati da chef famosi, tra cui Guy Fieri, Nobuyuki “Nobu” Matsuhisa e Geoffrey Zakarian. 

8. Domanda per crociere di avventura. Secondo l’Adventure Travel Trade Association, i viaggi di avventura stanno aumentando a un ritmo da record- Grande richiesta per gli itinerari in Antartide.

Ultimi articoli in NAVIGARE