Giornale del 21 Dicembre 2016

Roma, Marra senior al turismo diventa un caso

ATTUALITA'

21-12-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
«Non fa parte del movimento, noi andiamo avanti». Così Virginia Raggi si è espressa sulla vicenda che nelle scorse ore ha portato all'arresto del dirigente Raffaele Marra. Ma intanto, a quanto si apprende da rainews.it, la sindaca della capitale avrebbe chiesto una verifica interna sulla legittimità degli atti adottati proprio dal dirigente, il cui ultimo incarico era quello di capo del personale del Campidoglio.

Come si apprende dal sito repubblica.it, tra gli atti sottoposti a esame potrebbe rientrare anche quello riguardante la nomina – la delibera porta la data del 9 novembre scorso – di Renato Marra, fratello due anni più anziano del dirigente capitolino, già vicecomandante dei vigili, a capo della neonata direzione Turismo. Proprio quella nomina, del resto, è finita sotto la lente d'ingrandimento dell’Autorità anticorruzione dall'inizio di dicembre perché, secondo un esposto del sindacato dei dirigenti regionali, il 9 novembre Marra avrebbe dovuto astenersi dal controfirmare la delibera.

"Un atto delicatissimo", si legge su repubblica.it, "che adesso Raggi si intesta in toto in una memoria difensiva firmata dal responsabile anticorruzione del Campidoglio Maria Rosa Turchi e inviata all’Anac. Un documento con il quale la prima cittadina non solo si prende la responsabilità di quella scelta (che, da regolamento, spetta a lei), ma derubrica il ruolo di Marra jr a mero passacarte". Il motivo è semplice: la legge vieta ai dirigenti pubblici di assumere “decisioni o attività che possano coinvolgere interessi propri, ovvero di suoi parenti affini entro il secondo grado".

Ma, sempre secondo quanto riporta repubblica.it, in Campidoglio "ci sono le voci di dirigenti, sotto anonimato, che raccontano di riunioni tra Marra e gli assessori per decidere le destinazioni dei capi dipartimento. Compresa quella a fine ottobre durante la quale venne consigliato all’assessore al Turismo Adriano Meloni di accettare l’arrivo di Renato Marra nei suoi uffici".

Ultimi articoli in ATTUALITA'