Giornale del 22 Dicembre 2016

Alitalia: tagli in vista, stallo sul finanziamento

ATTUALITA'

22-12-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
Si complica la vicenda Alitalia: il cda di lunedì non ha sortito alcuna decisione finale sul piano industriale messo a punto da Cramer Ball, a causa di forti perplessità avanzate dalle banche per il suo finanziamento.

 

A rendere scettici i partner bancari (Intesa Sanpaolo e Unicredit) sarebbe l’impostazione futura della compagnia aerea: una mission sul corto raggio con la formula low cost e una strategia sul lungo raggio per una clientela di target medio-alto.

 

Ma è proprio quest’ultima a destare preoccupazione: stando a quanto riportato dai media, Alitalia avrebbe problemi di liquidità, al punto da aver frazionato i pagamenti di tredicesime e stipendi previsti proprio questa settimana. Altre fonti danno per certo, oggi, un nuovo incontro tra i vertici Alitalia e i vertici delle banche coinvolte.

 

Intanto, nonostante il silenzio da Abu Dhabi, si fanno insistenti le voci di dimissioni di James Hogan e di un radicale ridisegno della strategia di Etihad sul mercato europeo, proprio per lo stato di difficoltà in cui versa Alitalia che, sempre stando a quanto apparso in questi giorni sulla stampa specializzata, perderebbe  milioni di euro a settimana.

 

Da qui l’ipotesi di un piano industriale che includerebbe anche dolorosi tagli al personale con almeno 1.600 esuberi. Un disegno che ha già fatto scattare l’allarme dei sindacati che chiedono un immediato incontro.

 

Altri rumors, riportati da Avionews, parlano di  un nuovo contratto di lavoro per piloti, assistenti di volo ed assistenti di terra e della messa a terra di almeno 15 aerei, con l'arrivo entro qualche mese di 4 velivoli per il lungo raggio, il che confermerebbe l'interesse della compagnia per un potenziamento di collegamenti verso gli Usa. Secondo fonti vicine alla compagnia aerea, comunque, in queste ore si attende un concreto segnale di mediazione del governo.


Ultimi articoli in ATTUALITA'